Marino Bronzino

Home / Biografie / Marino Bronzino

Nasce ad Avigliana nel 1956, inizia a metà degli anni ’70 come grafico/ragazzo di bottega con Armando Ceste e Gianfranco Torri all’Extrastudio. Sono di quegli anni l’immagine coordinata del Settembre Musica, i Punti Verdi, Il Teatro Ragazzi del Teatro Stabile. In seguito Art Dirctor per una grande Agenzia Pubblicitaria Torinese dove realizza campagne pubblicitarie stampa e televisive.

Alla fine degli anni ’80 lascia la grafica e passa alla regia sia nell’ambito pubblicitario che cinematografico.

 

Filmografia

Io e mio padre (1990), (Cortometraggio) Betacam / durata 5’.

In concorso a “Spazio Torino” del Torino Film Festival 1991

Un breve omaggio, ricordo alla figura di mio padre, alla sua semplicità,

alla sua proverbiale manualità, alla sua ricchezza interiore.

 

Caro Marino (1993), (Cortometraggio) Betacam / durata 7’.

In concorso a “Spazio Torino” del Torino Film Festival 1994

Un messaggio ad un bambino da poco nato, per ricucire un’amicizia con il padre andata negli anni un po’ perduta.

 

Portami via Back Stage (1994), (Documentario) Betacam / durata 8’.

In concorso a “Spazio Torino” del Torino Film Festival 1995

Un breve diario di viaggio, dietro e dentro il film Portami Via di GianLuca Tavarelli.

 

Memorie (1994), (Documentario) Betacam / durata 38’.

In concorso a “Spazio Torino” del Torino Film Festival 1995

L’incontro/confessione, con una pittrice, che parla di tutto fuochè di arte, brandelli di vita, ricordi infantili, autoironia, testimonianza in prima persona di una generazione contro.

 

Mille Innocenti Back Stage (1994), (Documentario) Betacam / durata 14’.

In concorso a “Spazio Italia” del Torino Film Festival 1994

Il racconto per immagini di un set pubblicitario, il gigantismo di inquadrature che dureranno pochi secondi, a volte 20 fotogrammi.

 

Continuerò a cercarti (1995), (Cortometraggio) Betacam / durata 5’

In concorso a “Spazio Italia” del Torino Film Festival 1996

Il monologo di una donna che cerca di comunicare e di amare un uomo che non c’è.

 

Cous cous Back Stage (1996), (Documentario) Betacam / durata 49’.

In concorso a “Spazio Torino” del Torino Film Festival 1997

Il lungo e dettagliato racconto di uno dei primi film generazionale girato a Torino con la regia di Umberto Spinazzola.

 

Tre generazioni una sola passione, il cinema! (1996), (Cortometraggio) Betacam / durata 12’

Commissionato dalla Regione Piemonte per la rassegna estiva Experimenta, dedicata ai 100 anni del Cinema, è la storia del montaggio cinematrografico  visto attraverso gli occhi di una generazione di montatori di cinema.

 

Cosa fai all’una mangiamo una cosa insieme? (1996), (Cortometraggio) Betacam / durata 18’.

In concorso a “Spazio Torino” del Torino Film Festival 1997

Una compilation di banalità e luoghi comuni, che si sentono nei tanti bar all’ora di pranzo ascoltando una generazione che lavora nel terziario avanzato.

 

Il paradiso degli animali (1997). (Cortometraggio) Betacam / durata 14’.

In concorso a “Spazio Torino” del Torino Film Festival 1998

Il testamento tragicamente comico di una vecchia signora molto affezionata ai suoi adorati “figli.”

 

È ora che vada (1998) (Cortometraggio) 16 mm / durata 17’

Vincitore del premio Mario Celso per la miglior fotografia al Valsusa Film fest 1999.

In concorso a “Spazio Italia” del Torino Film Festival 1999

Storia, amara e cinica, di un nonno che vive con il figlio, la nuora e i due nipotini. Per la società e per la sua famiglia è ormai un peso inutile un po’ ingombrante e come tale va trattato. E’ già stato tutto democraticamente previsto e perfettamente organizzato, solo che il “nonno” decide di andare controcorrente.

 

Borotalco (1999) (Cortometraggio) Betacam / durata18’

In concorso a “Spazio Torino” del Torino Film Festival 2000

Un giovane rappresentante di”Cellulosa”, a causa del solito guasto meccanico della sua vecchia autovettura, incontra una ricca e inavvicinabile signora. Il destino li fa incontrare per poche ore, quando lui ritorna nella sua realtà e racconta la verità non verrà creduto dalla sua adorata mogliettina.

 

L’appartamento di sopra (1999) (Cortometraggio) 16 mm / durata 13’

Un signore anziano si trasferisce in una vecchia casa del centro dove trova una portinaia un po’ impicciona e un via vai di ragazze giovane e carine, che salgono all’appartamento di sopra, incuriosito decide di salirci anche lui.

 

Che cos’é l’amor? (1999) (Documentario) Betacam : durata 11’

In concorso a “Spazio Torino” del Torino Film Festival 2000

Una collettiva confessione, il trionfo della psicanalisi, un gran numero di donne si confidano davanti a una telecamera parlando di amore

 

Caterina (1999) (Documentario) Betacam / durata 17’

Menzione al Festival “Castelli dell’Alta Marca Anconetana”.

In concorso a “Spazio Torino” del Torino Film Festival 2000

Una donna che ha fatto della seduzione la sua ragione di vita, si racconta affermando il suo personale punto di vista sugli uomini, sull’amore, sui sentimenti umani e sulle donne in generale.

Camera fissa sulla protagonista. Primissimi piani e dettagli che scavano e sottolineano la protagonista, poco è concesso alla “forma”, tutto è teso al “contenuto” della confessione/intervista.

 

La signora Varagnolo (2000) (Cortometraggio) Betacam / durata 7’

Menzione al Festival “Castelli dell’Alta Marca Anconetana”

La signora delle pulizie di uno studio di uno psicanalista approfitta dell’assenza dell’analista per raccontare la sua realtà tragicomica.

 

315 Volte Novecento (2001) (Documentario) Betacam / durata 10

L’8 aprile 2001, nel teatro dell’Aquila di Fermo, dopo 7 anni di repliche Eugenio Allegri interpreta per l’ultima volta il monologo Novecento scritto per lui da Alessandro Baricco e messo in scena da Gabriele Vacis.

In una giornata, velata dalla malinconia, vengono raccolti i ricordi, gli aneddoti e la storia di uno spettacolo, che per il suo protagonista è stato e sarà per sempre un pezzo di vita.

 

Quando meno te l’aspetti (2001) (Cortometraggio) 35 mm / durata 17’

In concorso a “Spazio Italia” del Torino Film Festival 2001

Un bel mattino, in una casa, nel mezzo di un trasloco, si presenta un’ospite molto, molto inopportuna.

E’ una donna in carriera, determinata, cinica, spietata e molto, molto stressata dal suo “lavoro”.

Porta con se scompiglio e disperazione, nessuno può fermare la missione che ha da compiere, ma perché non provarci?

 

Bar B (2002) (Cortometraggio) Digital beta / durata 9’

Presentato nella sezione Raccordi al 20° Torino Film Festival

Una storia rosa, velata di mistero. Con Martina Colombari

 

Cattedrali (2003)  (Cortometraggio) Digital beta / durata 12’

L’incontro e la conoscenza tra un uomo e un vecchio amico di sua moglie, fra il tramonto e la notte.

 

Ciao Pietro (2005) (Documentario) Digital beta/durata 72’

Interviste, ricordi e testimonianze sulla figura professionale e personale di Pietro Sciortino scomparso prematuramente il 28 febbraio 2004.

 

“Avvocato!” Il processo di Torino al nucleo storico delle Brigate Rosse (2005) (Documentario) Digital beta/durata 70’

La ricostruzione della figura dell’avvocato Fulvio Croce (presidente del Consiglio degli Avvocati di Torino), ucciso dalle Brigate Rosse durante il processo di Torino ai capi storici delle Brigate Rosse.

Un processo raccontato attraverso il punto di vista degli avvocati d’ufficio nominati allora e sul tema del rifiuto della difesa d’ufficio da parte degli imputati detenuti.

 

Cara Giovanna (2007) (Cortometraggio) Sony HD / Digital beta 16:9/durata 24’

Un racconto fatto di flashback fra i giorni nostri e gli anni ’60 che narra la storia di un grande personaggio con un passato che vorrebbe dimenticare.

 

Chef per una notte (2012) (Documentario) Sony HD/Durata 18’

Un gruppo di amici si ritrova in una grande casa post moderna per cucinare insieme una cena da Chef con tanto di votazione e premiazione finale.

 

Il Nazionale, Sala da ballo (2013) (Documentario) Sony HD/ Durata 18’

La storia di una sala da ballo fondata nel 1947 in un piccolo paese del Canavese, vista attraverso gli occhi delle sorelle Caffaro Rore figlie del fonfdatore, che da alcuni anni lo hanno riportato alla ribalta a ritmo di swing.

SCENEGGIATURA E REGIA

Contattaci

Contattaci. Ti risponderemo al più presto!